I dieci rischi maggiori associati al cloud storage

Il backup dei file è come una sorta di assicurazione per i tuoi file, aiuta a tenerli sempre protetti e a non perderli mai. Tuttavia, scegliere di mettere i file online e affidarsi ad un servizio di cloud storage non è privo di rischi. Esistono degli svantaggi che possono spaventare gli utneti e noi di CloudStorageNews abbiamo messo insieme una lista dei dieci maggiori rischi associati al cloud storage.

Rischio 1: Qualcun’altro ha accesso ai dati

Uno dei rischi maggiori associati al cloud storage è che qualcun altro ha il controllo dei tuoi dati. Alcuni utenti pensano erroneamente che i file salvati sul cloud sono al sicuro ma in realtà, in alcuni casi specifici, non sono al sicuro e molte persone possono avere accesso all’archiviazione (questo dipende dal servizio di cloud storage, un servizio decente non lo permetterebbe mai).

Ci sono molti servizi di cloud storage che proteggono i tuoi file criptandoli 24 ore su 24. Solo quando tu stesso metti la criptazione ai file tramite software esterni puoi stare sicuro che nessuno li guarda, in tutti gli altri casi li affidi alla custodia di qualcun altro.

Rischio 2: L’intruzione governativa

Grazie ad Edward Snowden, tutti sono stati messi al corrente dell’intrusione del governo nelle questioni private di ogni cittadino, sia americano che europeo. Avere le proprie informazioni archiviate nel cloud non fa altro che facilitare il lavoro delle autorità nel trovare le informazioni che servono a loro senza che tu ne venga mai a conoscenza.

Alcuni servizi di cloud storage non aprono i propri server senza un ordine del tribunale. Molte società di cloud inoltre ti avvisano se qualcuno ha richiesto accesso alle tue informazioni cosi puoi sapere esattamente come stanno le cose.

Quando scegli un servizio dai anche un occh

io alle questioni di trasparenza e vedi in che modo questi fornitori interagiscono con i clienti.

Rischio 3: Nessuna standardizzazione

Non esiste alcuna forma di standardizzazione tra i vari servizi cloud storage, un motivo di lamentela da parte di molti clienti. Per esempio un servizio offre cifratura dall’inizio alla fine del caricamento file, mentre un altro servizio non lo fa. Alcuni servizi comunicano con i propri clienti, altri non lo fanno.

Qusta fluctuazione innervosisce le persone in quanto non esiste uno standard minimo di servizio al quale tutti i fornitori cloud dovrebbero aderire per il bene del consumatore. Tuttavia, questo problema può essere superato tramite una ricerca veloce sul nostro sito prima di saltare a conclusioni affrettate.

Rischio 4: nessun supporto tecnico

Alcuni servizi offrono un ottimo supporto se il cliente è un cliente pagante ma per coloro che hanno un servizio gratis non esiste alcuna forma di servizio clienti e avere un numero a cui chiamare diventa una cosa impossibile.

Molti servizi di cloud storage hanno un centro informazioni dove puoi trovare risoluzione ai problemi comuni ma non tutti i servizi lo offrono.

Ti consigliamo vivamente di controllare le nostre recensioni per capire quanto sono affidabili e utili i servizi che andrai ad usare.

Rischio 5: Proprietà dei dati

Capire a chi appartengono i dati è una gatta da pelare dal punto di vista legale. Sia le aziende che i loro clienti non sanno bene come stanno le cose ed in effetti quando alcuni entità governative hanno provato ad accedere ai documenti di un certo cliente, il servizio di cloud storage può a non può darli al governo?

Grazie alla diversificazione dei servizi, ogni cloud storage può comportarsi in diversa, sostenendo che i file sono di proprietà dei clienti che ce li mettono.

In molti paesi del mondo, la protezione dei file dal punto di vista legale è garantita grazie alla legge dei diritti intellettuali, il problema è che questa legge cambia da paese a paese.

Il nostro consiglio è di usare il cloud storage che ha server nell’Unione Europea, visto che l’UE protegge i consumatori dall’accesso non autorizzato dei governi europei.

Rischio 6: Centro dati

Il centro dati è il posto fisico in cui i tuoi dati vengono archiviati. Ogni paese ha un diverso livello di privacy per i dati nel cloud. Per questo motivo, capire quale servizio usare diventa una cosa quasi impossibile. Il luogo fisico dove si trovano i server, non l’area dove si trova il cliente, viene considerata dal punto di vista legale. Per esempio se sei un utente italiano ma archivi i tuoi file con Dropbox in California, i tuoi file vengono trattati tramite le leggi californiane in materia di privacy. Questo significa che alcune intrusioni del governo negli USA potrebbero essere considerati legali, mentre nell’UE sono illegali.

Purtroppo molto utenti non sanno dove i loro file vengono archiviati e provare a scoprirlo non è sempre semplice.

Rischio 7: Responsabilità legale

La questione di chi è responsabile per i file nel caso dovessero malauguratamente venire danneggiati è di una confuzione terribile. La colpa è che servizio di cloud storage che ha permesso l’accesso ai file a persone non volute oppure è dell’utente?

Anche se questa quesitone resta aperta, la buona notizia è che esiste un’assicurazione nel caso in cui i file vengono compromessi. La compensazione dei file è di solito minima e legata ai termini e condizioni di uso.

Rischio 8 : Attacchi hacker

Anche se archivi le informazioni a casa tua, non sei comunque al riparo da rischi di hacker alla ricerca dei tuoi file. Purtroppo gli attacchi hacker non vengono percepiti come attacchi dagli hacker, ma come un dovere al quale loro devono obbedire per il bene dell’umanità. Eh si, gli hacker vedono se stessi come benefattori.

Visto che il cloud storage come tecnologia è abbastanza nuovo, gli hacker spesso non hanno problemi a fare breccia negli account, le doti degli hacker sono molto più avanzati. Ma non ti preoccupare, i servizi cloud storage adottano delle misure per far fronte a questi attacchi.

Rischio 9 : Problemi con i server

I server dove sono archiviati i tuoi file funzionano con l’elettricità. Non c’è cosa più triste che provare ad accedere ai tuoi file e avere il server che non risponde. Di solito quando questo succede, non si ha un preavviso e nemmeno una comunicazione su quando il problema sarà risolto.

Microsoft, Google, Amazon, Dropbox, hanno tutti avuto problemi con i loro server nel passato e loro controllano enormai quantità di dati. Fortunatamente tutti i problemi sono stati risolti e nessun dato è andato perso.

Rischio 10: Tecnologia condivisa

Se non usi il tuo NAS o il disco rigido di casa tua, allora probabilmente ti ritrovi nella situazione di condividere i server con gli account di altri utenti, è il modo in cui la tecnologia cloud funziona. Clienti multipli, server unico. Il problema è che se un virus entra a causa di un altro utente, lo stesso virus può intaccare i server e quindi tutti gli altri utenti collegati a quel server ne potrebbero soffrire

È proprio vero, ci sono dei rischi nell’uso del cloud storage. Ma i servizi che lo offrono stanno migliorando molto negli aspetti relativi alla sicurezza e alla trasparenza.

Anche se fai il backup locale a casa tua o usi un servizi di backup online, ti consiglio di avere sempre due backup con gli stessi dati, non si sa mai cosa potrebbe accadere.

Post rilevanti
Post recenti